Notizie

Radovan, Sieff e Bertolas quinti nella staffetta combinata
sabato 7 marzo 2020

Il quartetto azzurro alle premiazioni
Il quartetto azzurro alle premiazioni

Brillante quinto posto per il team Italia nella staffetta mista di combinata nordica ai mondiali Junior di combinata nordica di Oberwiesenthal vinta dalla Norvegia, davanti ai padroni di casa della Germania, al Giappone e all’Austria.
Alle loro spalle l’Italia, autrice di una bella prestazione, avendo chiuso al quinto posto dopo aver visto da vicino una clamorosa medaglia. Un risultato che, vista la giovane età della squadra, composta da tre 2003 e una 2002, fa sicuramente ben sperare.
La squadra italiana è rimasta indietro nella frazione di salto, nella quale la sola Annika Sieff è riuscita a sollevare le sorti di tutto il team azzurro con una bella prestazione. Nell’inseguimento di fondo, però, i quattro azzurri si sono fatti valere sin dall’inizio.
Partito ottavo a 2’14” dalla testa, il quartetto azzurro era già sesto a 1’33” al primo cambio, grazie a una frazione di altissimo livello da parte di Stefano Radovan, autore del miglior tempo. Sulla stessa lunghezza d’onda anche Annika Sieff, che ha addirittura raggiunto la quarta posizione a 1’22” dalla vetta, dopo aver superato la giapponese Ayane Miyazaki e aver preso diversi secondi all’austriaca Hirner, per un distacco di 27” dal podio, che a inizio gara era di 1’16”. Nella terza frazione Daniela Dejori ha tenuto bene, ma non è riuscita a tenere il treno della velocissima giapponese Anju Nakamura, che ha recuperato sull’azzurra raggiungendo addirittura l’Austria al terzo posto. La gardenese ha comunque fatto registrare il terzo tempo di frazione, con l’Italia a 23” dal podio. Negli ultimi cinque chilometri quindi Iacopo Bortolas si è battuto, ha recuperato sugli avversari, arrivando fino a 10” dal podio al via dell’ultimo giro, ma davanti a lui Kimura ed Einkemmer non hanno mollato battagliando per il podio sull’ultima salita, così Bortolas è stato costretto ad accontentarsi di un’ottima quinta piazza.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,188 sec.